martedì, 27 Febbraio 2024
spot_img
HomeSezioniFondazione"Sulle orme di don Tonino”. Ad Alessano, insieme Pax Christi e Fondazione...

“Sulle orme di don Tonino”. Ad Alessano, insieme Pax Christi e Fondazione don Tonino Bello

Il Consiglio nazionale di Pax Christi si è riunito ad Alessano presso la sede della Fondazione don Tonino Bello, a 30 anni dalla morte di don Tonino, già presidente di Pax Christi:

Comunicato stampa

Pax Christi Italia e Fondazione don Tonino Bello

Il Consiglio nazionale di Pax Christi, accogliendo l’invito della Fondazione Don Tonino Bello, si è riunito ad Alessano presso la sede della stessa Fondazione nella giornata di sabato 9 settembre u.s.

Si è voluto rilanciare anche così il messaggio di pace e di nonviolenza del venerabile Don Tonino Bello a trent’anni dal suo dies natalis e riprendere inoltre il magistero della Pacem in Terris del papa san Giovanni XXIII a sessant’anni anni dalla sua promulgazione.

L’ispirazione fondamentale dell’enciclica, a cui costantemente si richiamava lo stesso don Tonino, è la considerazione che la guerra sia ormai intollerabile, fuori da ogni ragionevolezza, roba da pazzi, da bandire con ogni determinazione e con unanime coralità.

Bisogna allora richiamare oggi più che mai e diffondere quella coscienza dell’obiezione contro la logica perversa delle armi che purtroppo continuano ad alimentare e a prolungare i tanti conflitti ancora in corso.

L’ incontro pomeridiano presso la tomba del vescovo che fu presidente nazionale di Pax Christi e la celebrazione eucaristica nella chiesa madre di Alessano alla presenza del vescovo mons. Giovanni Ricchiuti, attuale presidente e del vescovo di Ugento mons. Vito Angiuli hanno dato alla giornata un valore particolarmente significativo dal punto di vista ecclesiale e civile.

È stata certamente un’occasione propizia per ritrovare nuovo slancio al comune impegno ad essere artigiani e costruttori di pace ma anche per avviare iniziative specifiche e progetti culturali comuni che vedano insieme la partecipazione di Pax Christi e della Fondazione Don Tonino Bello.

Articoli popolari