domenica, 14 Aprile 2024
spot_img
HomeSezioniFondazioneRoma città libera, Italia paese libero!

Roma città libera, Italia paese libero!

Al circo massimo a Roma 100 mila  persone  per la giornata  della memoria e dell’impegno.

Questo  il tema.

Liberi dalle mafie, liberi dalle guerre, liberi dalle violenza, liberi dalle dipendenze, liberi dall’ignoranza.

Bellissima la riflessione  di don luigi ciotti che  ha voluto ricordare e citare, tra gli altri,  Sandro Pertini, papa Francesco, Tonino Bello, Anna Magnani.

Il modo migliore per onorare quanti hanno perso la vita per il nostro paese!

Non sono mancati i riferimenti alla nostra costituzione, alla resistenza al nazi-fascismo, ai martiri delle fosse ardeatine ( il cui anniversario ricorrerà domenica prossima).

Una giornata di civiltà che rimarrà  impressa nel cuore di quanti ( 100 mila !) erano presenti al circolo massimo e di tutti coloro che da remoto hanno preso parte alla manifestazione.

Mi auguro che tutti prendano coscienza dell’importanza del momento storico nel mondo e nel nostro paese e dicano no alle politiche che vogliono un paese diviso, un uomo solo al comando, un mondo dilaniato da guerre e disuguaglianze.

È  stato emozionante per me   essere inserito nell’elenco di quanti  hanno proclamato il nome delle vittime per mafia: pensare a Antonio Montinaro, Renata Fonte, ai magistrati Falcone e Borsellino e a  tanti altri  martiri della patria meno noti ma non meno importanti è , appunto,  un’  emozione indicibile.

Questi i pensieri che  mi hanno accompagnato nel mio rientro nel Salento: Roma /Alessano, un odissea  incredibile. Più  tempo di quanto ho impiegato  tanti anni fa a raggiungere da Roma gli stati uniti d’America . Sic! Più  tempo. Povero sud: poveri noi! Altro che ponte! Qui ormai, mentre ci annunciano l’idea dì un ponte , hanno costruito  un muro che ci separa  dal mondo opulento che ci ruba ogni giorno  i figli, le intelligenze, il domani.

A noi resta però il dovere di credere nel cambiamento: intanto la giornata di ieri, con i suoi colori, il  sole, la musica,  i tanti incontri, i sorrisi, le strette di mano, le sofferenze, le emozioni, i volti di tanti amici, i nuovi incontri,  i pensieri … mi sembrano stamane un sogno.  E  sognare rappresenta il primo gradino del cambiamento: la primavera della storia ci attende!

Grazie don Luigi, grazie Libera!!

Articoli popolari